Cessione del quinto a un dipendente parapubblico

I lavoratori dipendenti di un’azienda parapubblica o di un ente ministeriale possono ottenere una cessione del quinto su misura per loro. Tale finanziamento funziona esattamente come la classica cessione, con la differenza che in questo caso il richiedente avrà diritto ad agevolazioni particolari dovute alla posizione professionale che ricopre. Ottenere un simile finanziamento è molto semplice e veloce, e dobbiamo ricordare che il datore di lavoro – che svolge un ruolo chiave nella questione, in quanto provvederà a destinare una parte dello stipendio del lavoratore al risarcimento del debito da lui contratto – non può opporsi alla pratica.

Si definisce un dipendente parapubblico un individuo – soggetto a gestione previdenziale INPS – che opera presso:

      Un’azienda di diritto privato, partecipata dallo Stato per il 40 %, da Pubblica Amministrazione;

      Un altro tipo di azienda parapubblica.

Inoltre possono accedere a tali servizi anche i dipendenti ministeriali, o quelli di un’azienda partecipata da ente ministeriale.

Il costo mensile previsto per il risanamento del debito è costante, e corrisponde a un 20 % dello stipendio del richiedente al netto. La finanziaria trattiene tale quota direttamente dalla busta paga del debitore, che non dovrà muovere un dito per ripagare il creditore. I tassi di interessi previsti sono molto bassi, e solitamente fissi (cioè non variano nel tempo). Quasi tutte le finanziarie permettono – anzi consigliano – al beneficiario di sottoscrivere in parallelo al prestito una polizza assicurativa. Questa si farà carico del debito rimanente nel caso in cui un individuo sia impossibilitato a continuare il pagamento mensile, o per qualsiasi motivo venga licenziato.

Solitamente queste persone possono ottenere fino a 55 mila euro con tale prestito, che diventano al massimo 12 mila se il richiedente ha sottoscritto delle deleghe di pagamento. La restituzione varia a seconda del piano di ammortamento, ma si possono percepire un massimo di 60 rate mensili (ovvero 5 anni è il limite massimo temporale per provvedere al rimborso). Il denaro ricevuto è libero da ogni sorta di vincoli, e può essere sfruttato come meglio crede il debitore.

Per ricevere ulteriori informazioni e chiarimenti sul mondo dei migliori prestiti con cessione del quinto online è possibile consultare gli interessanti contenuti riportati sul sito internet linkato in precedenza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *