Prestito con ipoteca

Protestati e cattivi pagatori non sono proprio nella posizione ideale per richiedere un prestito, in quanto godono di una cattiva fama agli occhi delle banche. Avendo avuto difficoltà a risarcire un debito in passato, gli istituti di credito ci penseranno due volte prima di prestargli di nuovo del denaro. Tuttavia ottenere un finanziamento, anche in questi casi, non è impossibile: dobbiamo solo scegliere il modo migliore per chiederlo, e fornire alla banca la certezza che riavrà indietro i suoi soldi. Per farlo ci serviamo delle garanzie, che possono essere di vari tipi e natura, che serviranno proprio per lo scopo appena citato. In questa sede parleremo di una di queste, ovvero l’ipoteca sulla casa. Se vogliamo però restare sul generico, e affrontare un discorso più ampio e variegato, possiamo sempre ricorrere ai testi e agli articoli contenuti nel sito internet Guidaprestitiprotestati.it.

 Al fine di dare sicurezze economiche alla banca – e far sì che la nostra richiesta di prestito vada a buon fine – dovremo rafforzare la nostra posizione con l’uso di alcune garanzie. Una soluzione abbastanza pratica e molto sfruttata è quella di ipotecare la casa, utilizzando un immobile di nostra proprietà come mezzo per ricevere il prestito. Le dinamiche in questo caso sono molto semplici: impegneremo la casa per il suo valore di mercato, che può corrispondere all’ammontare del prestito, concedendo alla banca il privilegio di diventarne proprietario nel caso in cui non riusciamo più a sottostare alle spese mensili di restituzione. Ma facciamo un esempio pratico: se la nostra casa vale 100.000 euro possiamo ottenere un prestito di quel valore – o minore. I soldi ricevuti dalla banca gli saranno erogati poi mensilmente, tramite delle rate. Se il tutto fila liscio, avremo avuto modo di ottenere i soldi e di risarcire la banca. Se però non siamo in grado di farlo la stessa banca provvede a pignorare l’immobile, e rivenderlo (le famose case pignorate che poi finiscono all’asta) per rientrare dei soldi spesi. Ovviamente non può lucrarci sopra, e deve accettare solo il denaro che gli spetta.

Questa soluzione è perfetta se abbiamo bisogno di una cifra sostanziosa, in caso contrario la banca potrebbe rifiutarsi di accettare tale condizione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *